.
Annunci online

liberolanima
Signora Libertà, Signorina Anarchia
 
 
 
 
           
       

Mi trovate anche qui:
 

 

 

 

 
13 settembre 2007

***

...Vorrei dirti, vorrei
ti sento vivere
in tutto quello che faccio e non faccio ci sei,
mi sembra che tu sia qui
sempre

Vorrei dirti, vorrei
ti sento vivere
dovunque guardo ci sei tu
ogni discorso sempre tu
ogni momento io
ti sento sempre più...

883, Ti sento vivere (1995)


Stasera è davvero difficile...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica 883 vuoto A.

permalink | inviato da liberolanima il 13/9/2007 alle 21:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

9 settembre 2007

Un mix di pensieri serali

Nascondere tutto. Far finta di nulla. Ma niente sorrisi, non ci riesco. Solo silenzio.
"Come va? Sei strana". "Che vedete? Va tutto bene", rispondo.
Non so perché, ma stavolta ho deciso di tenere per me tutto quello che provo da quando con Andrea è finita. Al contrario di sempre preferisco non parlarne. Stanca di sentire sempre le stesse, vuote parole degli altri, preferisco il mio silenzio.
Da tre sere non esco di casa, vuoi il cambiamento di clima che mi mette tristezza, vuoi che il livello della stessa si moltiplica al calar del sole, al caos della movida catanese che tanto amo, scelgo il silenzioso caos di camera mia.
Stasera poi sono più irrequieta del solito. Domani lui avrà quel benedettissimo esame e non ho smesso un attimo di chiedermi come sta, come si sente. Sarà agitato, ma forte di tutto l'impegno che ha messo su quei libri per tutta l'estate.
Vorrei mandargli un messaggio per augurargli l'in bocca al lupo. Magari se lo aspetta e gli farebbe anche piacere. Ma il silenzio in cui si è rinchiuso negli ultimi nove giorni mi fa pensare il contrario. Inoltre, chissà se si accorgerebbe del mio silenzio? Chissà che effetto gli farebbe vedere che non mi sono fatta sentire dopo che per tutta l'estate ho cercato di sostenere questa sua scelta quando tutti lo buttavano giù. Non lo so... non vorrei rompere le scatole. Infondo se non dà segni di vita un motivo ci sarà.

L'unica cosa che mi distrae e mi rilassa è la lettura.
Ma magari fossero testi universitari! Purtroppo in questo momento li ho abbandonati.
E' Wilde che mi tiene compagnia, con il De Profundis. Lo sto trovando estremamente coinvolgente, emozionante, profondo appunto.
Lo stile delle descrizioni di luoghi, situazioni, e soprattutto stati d'animo trasporta tantissimo. Sembra quasi di essere un tutt'uno con la scena narrata.
Povero Wilde, quante ne ha passate. Colpa di un amore folle e di una società pronta ad accanirsi contro i più deboli, onesti, diversi.

Non cambia poi tanto da ciò che succede oggi, anche se le situazioni sono un po' mutate.
Mi riferisco ad una trasmissione che ho visto stasera in tv. Dopo questo speciale devo dire che sugli scontri del G8 di Genova del 2001 ero abbastanza disinformta.
La trasmissione in questione è "Blu Notte, misteri italiani". Ovviamente in onda su Rai Tre, il canale di "noi comunisti". Anyway... questa ha mostrato immagini e testimonianze sinceramente sconcertanti. Non mi ero mai accorta fino in fondo del massacro accaduto in quei giorni.
Sapevo della morte di Carlo Giuliani, e che ad ucciderlo era stato un poliziotto. Sapevo dell'efferata violenza delle forze dell'ordine ed ho sempre condannato quelle immagini di pestaggi. Sapevo delle cazzate che combinavano i black block solo per far danni e confusione nelle manifestazioni pacifiste.
Ma non ero al corrente delle nefandezze commesse dalle forze di polizia per le strade di Genova, nella scuola Armando Diaz, nel carcere di Bolzaneto.
Pestaggi disumani contro cortei pacifisti lasciando scappare i black block; manifestanti incarcerati, minacciati, umiliati, picchiati; ragazze molestate; insultati ed obbligati ad eseguire il saluto fascita.
"Sporchi comunisti di merda, vi uccidiamo - si sentiva nelle riegistrazioni, e riferito a Giuliani - Uno in meno, uno a zero per noi, speriamo muoiano tutti."
Quello che ho visto stasera ha alimentato in me rabbia e voglia di giustizia e verità.
Sevitori dello stato, quindi dei cittadini, che parlano e trattano disumanamente la gente che devono proteggere. Inutili tutte le scuse che tentavano di dare i capi delle forze dell'ordine e i vertici della politica. Nessuna scusa è accettabile quando sulle registrazioni si vedono criminali incappuccati di nero saccheggiare una città e scappare senza essere inseguiti dalla polizia che pesta senza pietà chiuque gli capiti sotto mano. E grazie che appena vedono una volante isolata la incendiano! E grazie che cercano di reagire? Dovrebbero lasciarsi morire sotto i loro manganelli?
Di certo non sono di buon esempio, ma perché loro sono stati picchiati, denunciati, messi in carcere, mentre gli agenti sono stati giustificati dai loro superiori perché erano inesperti, sottoposti a pressione psico-fisica e con troppa adrenalina in corpo?
Poi vengo rimproverata di essere esagerata quando dico che non amo questa categoria.

Ieri ho firmato al V-Day. Un minuscolo passettino per contribuire a cambiare il mio paese.
Oggi ho saputo che sono state raccolte 300.000 firme. Ne bastavano solo 50.000 per la validità della proposta di legge. Adesso sta a vedere se verrà presa in considerazione. Probailmente no, ma spero di sbagliarmi.


27 agosto 2007

Di nuovo "addio"

Ma spero tanto che sia l'ennesimo "arrivederci".
Un altro fine settimana passato con lui.  
  
"...ore, ore e ore,
senza bere né mangiare,
senza neanche respirare,
solamente far l'amore,
senza neanche andare in bagno
per non risvegliare il sogno,
su quell'isola di un letto
e ora che è finito tutto..."
Canta Masini...

Già... altri due giorni passati tra intensi sguardi, abbracci e sospiri... tra lotte con i cuscini, solletico e tante risate.
Pare che sia stata l'ultima volta.
Milano lo chiama. E' la cosa più importante per lui ed è giusto che vada.
Dopo tanti mesi di rapporto altalenante, sembra che stavolta ci separiamo sul serio.
Spero sia una separazione momentanea. Dice che sono l'unico motivo che, tra un anno, lo farebbe tornare. Ma sappiamo entrambi che dodici mesi non sono pochi e può succedere di tutto... Chissà

E' tutto quello che ho sempre desiderato.
Sono tutto quello che ha sempre desiderato.
Ho lottato per sciogliere il ghiaccio attorno a quel cuore ferito da un'altra storia.
E' stata dura. Ho lasciato da parte il mio orgoglio, ho provato in ogni modo a riportarlo da me ogni volta che, per paura, spariva.
Ho vinto, ci sono riuscita. Non del tutto, ma sentirgli dire "mi hai ridato il sorriso quando credevo di averlo perso per sempre" mi ha reso felice. Mi ha fatto sorridere tra le lacrime.

Gli auguro con tutto il cuore di superare quei test d'ammissione. Non importa se non staremo più insieme. L'importante è che lui insegua i suoi sogni . 

                                                                           


Ma quanto sono smielata. C'è gente che non mi riconosce. :P


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vuoto A. il mio cuore speranza

permalink | inviato da liberolanima il 27/8/2007 alle 15:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

2 agosto 2007

Papà aveva ragione.

<< Lampada Osram di fronte alla stazione giornali, cartoline, le insegne, le reclames, la fila di tassì
la calca sopra i tram / annodi il tuo foulard, le otto e dieci / Lampada Osram è il primo ppuntamento e tu ci tieni tanto, sei certa che verrà. [...] e sono già le otto e un quarto /
"Ciao come stai" gli dirai quando verrà / per l'emozione arrossirai, chissà che pantaloni avrà [...] mezz'ora no non basterà per arrivare al centro, per dirgli tutto quanto
e che ti piace tanto tanto / Lampada Osram non è venuto ancora [...]
Profumo di lillà le otto e venti / "Bravo che sei" gli dirai quando arriverà e un po' di muso metterai
chissà che scuse inventerà. Ma dopo lui ti porterà davanti ad un tramonto per dirti tutto quanto
e che gli piaci tanto tanto / Lampada Osram lui non è più venuto. I passi sul selciato
ti fanno compagnia. E a testa bassa te ne torni a casa tua. "Biglietto signorina", le otto e mezza. >>



Una volta mio padre mi ha dedicato questa canzone di Baglioni. Ricordo che ero alle prime cotte adolescenziali e voleva in qualche modo prepararmi alle piccole e grandi batoste che crescendo avrei presto. Allora mi seccai con lui e lo mandai a quel paese chiudendomi in camera mia.
Ovviamente aveva ragione.
Adesso che sono nuovamente chiusa in camera mia a piangere per l'ennesima fregatura mi è venuta in mente.
... Mi sento così stupida.
Ho voluto credergli di nuovo. Ho creduto di nuovo che volesse davvero ricominciare.
Ed eccomi a piangere un'altra volta aspettando una chiamata. Avremmo dovuto passare una serata insieme. Una delle nostre splendide serate in cui scompare il resto del mondo.
Invece... il silenzio.
Brava Lietta. Complimenti.
Di nuovo.

Solo un po' di sincerità e chiarezza. Non mi sembra di chiedere molto.
Mi sono sempre accontentata di poco. Ho sempre rispettato tempi e volonta altrui, passando sopra le mie esigenze... ed ecco a cosa è servito.

Passerà. Di nuovo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica papà A. vuoto il mio cuore ricordi

permalink | inviato da liberolanima il 2/8/2007 alle 21:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

30 giugno 2007

***

E' arrivato il giorno X.
30 giugno.
Avrei voluto che non fosse mai arrivato.
Tra poco più di tre ore Andrea lascerà Catania.

Ieri è stata l'ultima sera che abbiamo passato insieme.
All'inizio mi è sembrata una serata come le altre. Estremamente piacevole. Ai limiti del possibile.
Ma appena sono entrata nella sua stanza si è concretizzata in me l'idea che quella sarebbe stata l'ultima notte insieme.
Anche per lui deve essere stato così, infatti siamo stati in silenzio per molto tempo. Sfogliavamo dei giornali, eravamo distanti.
Poi ci siamo messi a letto. La mia testa poggiava sul suo petto e le sue braccia mi stringevano forte.
Silenzio.
Dopo un po' gli chiedo: "A cosa pensi?"
E lui:"Ho mille pensieri per la testa... Come si fa a non affezionarsi a te?".
Io: " So già che soffrirò molto".
Lui:"Anche io, ma è stata un'esperienza fantastica. Da domani andremo comunque avanti."

Ho passato la notte ad ascoltare il battito del suo cuore e a trattenere le lacrime. Lui dormiva. Quando il sole ha iniziato ad illuminare la stanza lo guardavo in viso... Come sono belle le sue labbra...

Stamattina quando si è svegliato mi ha stretto forte a sè. Mentre i nostri corpi scivolavano tra le lenzuola i baci e gli abbracci si facevano sempre più intensi, come a voler sottolineare la nostra ultima volta.
Poi siamo rimasti abbracciati a guardarci e sorridere. Le prime lacrime iniziano a bagnare il mio viso, soprattutto quando lui sussurra: "Non credevo di potermi legare così tanto ad una persona in così poco tempo... Chissà, magari più in là ci rivedremo ed andrà diversamente".
Dopo cercava di sdrammatizzare facendomi il solletico e scherzando, ma con scarsi risultati.
Mi ha detto di non sparire e di continuare a sentirci... chissà...
Adesso non aspetto altro che il 4 luglio, quando lo rivedrò per andare insieme a Palermo a sentire Patti Smith...

Mi mancherà, mi mancherà tanto.
Mi mancheranno le sue risate, le sue battute, i suoi occhi, le sue labbra.
Mi mancheranno la sua timidezza ed il suo entusiasmo ogni volta che progettavamo una serata insieme.
Mi mancheranno la forza e la tenerezza delle sue braccia intorno a me.
Nonostante le lacrime riesco a sorridere pernsando a tutti i momenti magici che abbiamo trascorso insieme. Anche il gesto più insignificante, fatto da lui era speciale.
Due giorni fa mi ha detto: "Mi piaci perché qualunque cosa facciamo mi guardi come se fosse la prima volta, ti emozioni come se non l'avessi mai fatto." 

GRAZIE ANDREA.
Grazie per avermi regalato un angolo di paradiso.
 



                                                         


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. A. il mio cuore vuoto

permalink | inviato da liberolanima il 30/6/2007 alle 11:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

12 giugno 2007

Ciao Teresa

Ieri sono rientrata a casa dopo una giornata un po' pesante ed ho notato nei miei genitori un'espressione strana.
Mia mamma mi ha detto: "Non te lo vorrei dire per non darti questo dispiacere. Giovedì è morta Teresa".
Ci sono rimasta di sasso.
Teresa, un'amica di famiglia che non vedevo da molti anni, ma alla quale sono legati molti ricordi della mia infanzia.
La sua enorme casa con i tetti altissimi, i suoi divani sui quali io e mia sorella ci addormentavamo la sera tardi, la sua sala da pranzo, la sua cucina, le sue tisane, le sue formibadili cene, l'insalata di pollo, il carpaccio di carne. E ancora la sua voce dolce e sottile, la sua tenerezza...
Era docente di lingua e letteratura romena all'Università di Udine. L'ultima volta che l'ho sentita le avevo chiesto del materiale da studiare per superare il test di ammissione al corso di laurea di Interpreti e Traduttori. Suo marito ha detto a mio padre che chiedeva spesso di me, che voleva vedermi laureata per potermi aiutare a trovare un lavoro che c'entrasse con le lingue. 

Sapere che non c'è più mi riempie di tristezza.
Immagino che la sua malattia le abbia fatto passare dei momenti tremendi e spero che ovunque si trovi sia finalmente in pace.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Teresa ricordi vuoto

permalink | inviato da liberolanima il 12/6/2007 alle 18:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

9 giugno 2007

...

Come qualche altro blogger anche io sono stata sfiorata dall'idea di chiudere il blog.
Nessuna voglia di scrivere al momento.
Nè di politica, nè di me, nè di altro.
Eppure potrei scrivere per ore ed ore.
Che periodo strano.
Spero che la voglia di scrivere si faccia viva al più presto.
Un saluto e buon fine settimana.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vuoto blocco

permalink | inviato da liberolanima il 9/6/2007 alle 19:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

15 maggio 2007

***

I questi giorni il mio umore è troppo giù. Avvenimenti spiacevoli,  pensieri e ansie si accumulano.
Vorrei scrivere, ma non riesco a mettere insieme due parole.
Vi mando un grosso abbraccio e a presto. 

                                                          


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. blocco A. G. vuoto

permalink | inviato da il 15/5/2007 alle 10:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

10 maggio 2007

E tutto va come deve andare...

...magra consolazione.

Proprio quando iniziavo a sciogliere quel fitto nodo di amarezza e diffidenza legato al cuore, adesso che avevo finalmente interesse a conoscere una persona nuova dopo essermi lasciata il passato alle spalle, ecco che questa mi dice che non vede un futuro per la nostra storia.

Stasera le mie orecchie hanno sentito parole così assurde...
Non sono triste, solo delusa e infinitamente più scoraggiata di prima.
Se in queste due settimane avevo fatto un passo in avanti, adesso torno indietro di dieci passi.

Capita. Di nuovo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. il mio cuore A. vuoto

permalink | inviato da il 10/5/2007 alle 0:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

Nelnomedelcuore
Scripta manent semper
Le foto di Ciuri
Irlanda
Terzostato
Out of reality
Aquilasolitaria
Meera
Shamal
Arianna_Desogus
Occhiodelciclone
Micol
Casamia
Gabri
OcchiLadri
Artemisia
Madame Amanita
Julia Dream
Barbara
Flyhigh
GBestBlog
Chemako
IlMaLe
Saro Napoli
Godai
Beppone
Volipindarici
Donatodisanzio
SvegliaItalia
ioTocco
Paolo Borrello
Serafico
Hecyra
Terronista
MicroMega
Gennaro Carotenuto - Giornalismo partecipativo
Italia dall'Estero
Gianni Minà - Latinoamerica
Piero Ricca
Le vignette di Vauro
Peppino Impastato



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     agosto        ottobre