Blog: http://liberolanima.ilcannocchiale.it

Crescere

Mi sorella è partita da dieci giorni, Erasmus in Spagna per sei mesi.
Né io né lei ci siamo mai allontanate da casa per più di venti giorni e questo primo lungo distacco dal nido ha creato non poche preoccupazioni a me e ai miei genitori. "Ma se la caverà tutta sola? Ma come farà? Ah, se dovesse accaderle qualcosa." I primi due giorni eravamo in panico, adesso va meglio. Ha trovato casa e inizia ad ambientarsi. Stamattina è arrivato il momento fatidico. Telefonata: "Mamma, che detersivi compro per lavare la biancheria?". Dolcissima, me la immagino tra le mille cose da fare e dai suoi racconti sembra molto sicura e padrona della situazione. Cresce. Sono così felice per lei e non vedo l'ora di sentire a sera quel che ha fatto durante il giorno.

E poi ci sono io. Io che, nonostante la voglia, non avrei mai avuto il coraggio di partire tutta sola  per tutto questo tempo. Io che anche per questo sono sempre al punto di partenza, prigioniera dei miei doveri di figlia dai quali vorrei scappare ma non ne ho la forza. Non ho la forza di far nulla, a dire il vero, qui mi sento annichilita e con un peso sullo stomaco che si fa sempre più pesante. Sono ormai stanca di stare a casa dei miei e non riesco più a sopportare la distanza da Lui. Ogni giorno che passa divento più insofferente. Vorrei crescere anch'io, non ho più l'età di una ragazzina, vorrei camminare per  la mia strada e prendermi finalmente cura di me stessa e di Lui. Mi sento soffocare sempre più e so che le mie decisioni faranno, in un modo o nell'altro, soffrire i miei.
Uff, è solo un piccolo sfogo, meglio smetterla prima che inizi a piangere. E poi Lui legge, si preoccupa e si intristisce a causa mia quando dovrei solo rassicurarlo e alleviare i suoi pensieri e le sue preoccupazioni.
Non preoccuparti, so che presto cambierà. :)


Ok, abbassiamo un po' la tensione con una cantatina e qualche sorriso. Buona giornata. :)

Pubblicato il 23/9/2011 alle 12.16 nella rubrica Per quel che mi riguarda.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web